Iscrizione alla Newsletter
Cerca



Associazione - Mission
Statuto - Consiglio Direttivo

La Storia
I Musei
Scuola e Ricerca
Aziende e Artigiani
Istituzione del marchio
Legislazione
Provvedimenti Attuativi
Disciplinari dei Comuni
Forum
Link Network
Link ai Comuni Ceramici
Ultime News
Archivio
Newsletter
Mostre
Concorsi
Corsi
Archivio

powered by MagNews



CeramicaScuola e RicercaMuseoArtigiani
Gubbio
Gubbio conserva intatto il suo fascino di città medievale.

Gubbio fu centro degli Umbri, come testimoniano le Tavole Eugubine, il più antico cimelio epigrafico dell'Italia preromana. Città alleata con Roma e sottoposta al dominio bizantino e longobardo, nel XII sec. raggiunse, come libero comune, un periodo di prosperità e sviluppo. Tra il 1354 e il 1376 Gubbio fu dominata dalla Chiesa. Seguì un periodo di lotte intestine che portò (1384) alla dominazione dei Montefeltro, duchi di Urbino. Dal 1631 in poi Gubbio fece parte dello Stato della Chiesa. Con Napoleone la città fu unita alla Repubblica Romana e poi al Regno Italico. Dopo l'annessione al Regno d'Italia, fu aggregata all'Umbria.

Una zona ricca di attrattive paesaggistiche e naturali fa da sfondo al centro storico cittadino, caratterizzato da edifici medievali e da notevoli monumenti. Tra essi ricordiamo: I Palazzi Pubblici e Piazza Grande. Complesso monumentale, iniziato dall'architetto Angelo da Orvieto il Pal. dei Consoli, compiuto verso il 1340, ospita il Museo Comunale, articolato nella pinacoteca e nelle sezioni archeologica e delle ceramiche. L'incompiuto Pal. del Podestà è ora residenza municipale. La piazza pensile fu costruita alla fine del sec. XV. Il Pal. Ducale, di origine medioevale, fu edificato dopo il 1470 su disegno di Francesco di Giorgio Martini per volere di Federico da Montefeltro. Magnifico il cortile rinascimentale. La Cattedrale (secc. XIII-XIV), è stata ripristinata internamente all'inizio del '900. E' ricca di pregevoli pale d'altare e di altri oggetti d'arte. Nell'attigua canonica è ospitato il Museo Diocesano. S. Francesco, chiesa a tre navate risalente alle seconda metà del '200. Nelle absidi affreschi del Nelli e di anonimi dei secc. XIII e XIV. Suggestivi i chiostri e altre parti dell'attiguo convento (in cui ha sede una raccolta d'arte). Di notevole interesse storico-artistico sono pure le chiese di S. Agostino, S. Domenico, S. Pietro e S. Maria della Vittorina, luogo dell’incontro tra S. Francesco e il Lupo. Il Teatro Romano risale alla fine del I sec. a.C. Restaurato all'inizio del '900, è oggi sede di spettacoli estivi. Il Parco Ranghiasci, "ad uso inglese", con villini e giardini, fu realizzato nella prima metà dell' '800.

Festa dei Ceri. Si svolge ogni anno il 15 maggio in onore di S. Ubaldo, protettore della città. I Ceri sono tre alti e pesanti manufatti lignei sormontati rispettivamente dalle statue di S. Ubaldo, S. Giorgio e S. Antonio Abate. I ceraioli li portano a spalla e di corsa con delle barelle per le vie della città fino alla basilica di S. Ubaldo, sulla vetta del monte Ingino. Palio della Balestra (ultima domenica di maggio). E' una tradizionale competizione con l'antica balestra da postazione. I balestrieri eugubini e di Sansepolcro si danno appuntamento in Piazza Grande. La gara consiste nel centrare un bersaglio posto a 36 metri di distanza, ed è accompagnata dall'esibizione degli Sbandieratori. Processione del Cristo Morto (o del Venerdì Santo). Viene organizzata dalla Confraternita di S. Croce della Foce ed è una rappresentazione simbolica del dramma della Passione di Cristo. I confratelli sfilano all'imbrunire portando i simboli della Passione. Il corteo è chiuso dalle statue del Cristo Morto e della Madonna Addolorata; dietro di esse intonano le loro laudi i cantori del "Miserere".

Per informazioni:

SERVIZIO TURISTICO ASSOCIATO
IAT GUBBIO
via della Repubblica, 15
06024 Gubbio (PG)
Tel. 075.922.06.93 - 075.922.07.90
Fax 075.927.34.09
www.gubbio-altochiascio.umbria2000.it
info@iat.gubbio.pg.it

 

www.comune.gubbio.pg.it



[Albisola Superiore] [Albissola Marina] [Ariano Irpino] [Ascoli Piceno] [Assemini] [Bassano del Grappa] [Burgio] [Caltagirone] [Castellamonte] [Castelli] [Cava dei Tirreni] [Cerreto Sannita] [Civita Castellana] [Deruta] [Este] [Faenza] [Grottaglie] [Gualdo Tadino] [Gubbio] [Impruneta] [Laterza] [Lodi] [Mondovì] [Montelupo Fiorentino] [Nove] [Oristano] [Orvieto] [San Lorenzello] [Santo Stefano di Camastra] [Sciacca] [Sesto Fiorentino] [Squillace] [Urbania] [Vietri sul Mare]
Amministrazione Trasparente

Associazione Italiana Città della Ceramica - AiCC 
Piazza del Popolo 31 - 48018 FAENZA - RA
Tel. +39 0546 691307 - 691306 Fax +39 0546 691283 
e-mail:
aicc@ceramics-online.it - sito web: www.ceramics-online.it
Codice Fiscale: 90017530396 - Marchio Comunitario 004455192 reg. 20.07.2006