Iscrizione alla Newsletter
Cerca



Associazione - Mission
Statuto - Consiglio Direttivo

La Storia
I Musei
Scuola e Ricerca
Aziende e Artigiani
Istituzione del marchio
Legislazione
Provvedimenti Attuativi
Disciplinari dei Comuni
Forum
Link Network
Link ai Comuni Ceramici
Ultime News
Archivio
Newsletter
Mostre
Concorsi
Corsi
Archivio

powered by MagNews



CeramicaScuola e RicercaMuseoArtigiani
Ascoli Piceno
La città turrita

Ascoli Piceno (m 178 slm, ab. 51.000), capoluogo della provincia, racchiuso tra il torrente Castellano e il fiume Tronto, di origine picena, fu conquistata dai Romani nel 268 a.C. Ribellatasi nel 91 a.C., divenne poi parte della V Regio augustea.
Aggregata dai Longobardi al Ducato di Spoleto e posta sotto il dominio papale da Carlo Magno, si eresse a libero comune nel 1185, inaugurando un periodo di grande prosperità economica e grande vitalità artistica, che si protrasse anche nel periodo rinascimentale.
Nel 1799 subì l’invasione delle truppe napoleoniche.
Nel 1815 fu riannessa nelle proprietà dello Stato Pontificio.
Con l’Unità d’Italia divenne Capoluogo di Provincia.


Mercatino degli oggetti antichi, del collezionismo dell'artigianato artistico e tradizionale

Il Mercatino è organizzato dal Comune di Ascoli Piceno con la collaborazione dell'Amministrazione Provinciale di Ascoli Piceno. Luogo, orario e data di svolgimento del Mercatino: il Mercatino ha luogo nel Centro Storico della città e si svolge nelle seguenti piazze e vie: Piazza Roma, via del Trivio, Choistro di San Francesco, via Ceci, via d'Ancaria e tratto di Corso Mazzini dalla Loggia dei Mercanti (compresa) sino alla Piazza S. Agostino (esclusa). La Fiera Mercato si svolge, di norma, la terza domenica di ogni mese con inizio dalle ore 15,30 del sabato precedente e con chiusura alle ore 21,00 della domenica (nei mesi di Giugno, Luglio e Agosto l'inizio è posticipato di un'ora e la chiusura è posticipata sino alle ore 24,00).

Per informazioni:
Comune di Ascoli Piceno
Assessorato alla Cultura
Piazza del Popolo, 7
63100 ASCOLI PICENO
Tel: 0736 298788 / 240290.
www.comune.ascolipiceno.it
protocollo@comune.ascolipiceno.it


Per raggiungere la città :

In auto:
venendo da Roma percorrendo la statale n° 4 ( via Salaria)oppure raccordandosi a San Benedetto del Tronto con la Statale Adriatica ( Km 25).
In treno:
il collegamento in treno è assicurato grazie alla Statale n° 84. Provenienza sia da nord( Milano, Bologna , Ancona) sia da sud ( Lecce Bari, Pescara). Autostrada A14 Adriatica: uscita S. Benedetto del Tronto; raccordo autostradale per Ascoli Piceno: Prima uscita ( Marino del Tronto), per la periferia Est . Seconda uscita ( Porta Cartara) per il centro città.

Autostrada A24 Roma- Villa Vomano ( Teramo): proseguire sul raccordo della SS80 in direzione Giulianova A14.Imboccata la A14 ( direzione Ancona ) proseguire fino a S. Benedettodel Tronto e quindi seguire il percorso indicato sopra. Da Firenze e Perugina via Foligno ( SS. 75 e 3), Piedipaterno ( SS. 395 e 209), Serravalle di Perugina ( SS396), Acquasanta Terme ( SS4). Da Norcia, traforo del Passo delle Forche Canapine. In treno : La principale stazione più vicina è San Benedetto del Tronto ( linea Bologna- Lecce).Collegamenti tra S. Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno con una linea ferroviaria locale ed un servizio autobus della società START S.P.a ( www Startspa. It).
In aereo:
Aeroporti più vicini, nell’ordine, Pescara Ancona e Roma.

Distanze Kilometriche:
Da Roma km 190 –da Bologna km 320 – da Firenze km 420- da Milano km 530- da Pescara km 87- da Napoli km 337 – da Genova km 613- da Venezia km 408. L’altitudine è di 154 , da Ancona km 122.

Il numero di abitanti nel Comune e quelli residenti nel centro storico:
N° 51637 di cui n° 9.154 abitanti nel centro storico. “Il nome del Santo Patrono è Sant’Emidio, primo vescovo di Ascoli Piceno, protettore del terremoto, decapitato il 5 agosto del 303 d.c, per avere predicato la religione Cristiana.Il Santo viene rievocato ogni anno in questa data .”

Lo stemma:
lo stemma Civico è di rosso al castello, di travertino naturale merlato alla ghibellina con due archi aperti a galleria sovrastante a cinque arcate, fiancheggiate da due torri dello stesso di disuguale altezza, quella di destra più alta merlata, l’altra a tetto; ornamenti esteriori da città.

Gemellaggi:
Massy, Francia Treviri, Germania




[Albisola Superiore] [Albissola Marina] [Ariano Irpino] [Ascoli Piceno] [Assemini] [Bassano del Grappa] [Burgio] [Caltagirone] [Castellamonte] [Castelli] [Cava dei Tirreni] [Cerreto Sannita] [Civita Castellana] [Deruta] [Este] [Faenza] [Grottaglie] [Gualdo Tadino] [Gubbio] [Impruneta] [Laterza] [Lodi] [Mondovì] [Montelupo Fiorentino] [Nove] [Oristano] [Orvieto] [San Lorenzello] [Santo Stefano di Camastra] [Sciacca] [Sesto Fiorentino] [Squillace] [Urbania] [Vietri sul Mare]
Amministrazione Trasparente

Associazione Italiana Città della Ceramica - AiCC 
Piazza del Popolo 31 - 48018 FAENZA - RA
Tel. +39 0546 691307 - 691306 Fax +39 0546 691283 
e-mail:
aicc@ceramics-online.it - sito web: www.ceramics-online.it
Codice Fiscale: 90017530396 - Marchio Comunitario 004455192 reg. 20.07.2006